USM-Homeoffice-headimg2.jpg

Configurare l'Home Office ideale

Tutti abbiamo bisogno di sentirci bene al lavoro. Per rimanere motivati a lungo termine abbiamo bisogno di lavorare in un contesto piacevole che soddisfi le nostre esigenze. Chi lavora a tempo pieno nell'ufficio del proprio datore di lavoro ha poca voce in capitolo sull'arredamento. Ma in un Home Office non è così.

In fase di progettazione dell'Home Office devi pensare alle cose di cui hai bisogno ma anche a tutto ciò di cui senti la mancanza nel tuo ufficio:

  • Una grande scrivania?
  • Un archivio capiente per tutti i documenti?
  • È meglio un'atmosfera accogliente, riempendo lo spazio di foto e piante, oppure preferisci un ambiente di lavoro semplice ed essenziale per favorire la concentrazione?
  • Quali sono le tonalità e i materiali che accrescono il tuo benessere?
  • Quanto spazio hai a disposizione?

Questi indicatori ti aiuteranno a capire come organizzare il tuo Home Office ideale e a progettare un ambiente che ti permetta di dare il meglio.

Pensa anche al futuro:

Potresti traslocare, cambiare lavoro o tornare a lavorare a tempo pieno nella sede del tuo titolare. Per questo, è meglio optare per un arredamento versatile e riutilizzabile. Una buona scelta potrebbe essere un sistema modulare. Dovrebbe essere ampliabile se si decide di aumentare il lavoro che si svolge da casa o, se si diventa autonomi, poter ospitare eventuali nuovi dipendenti.

Un sistema di arredamento modulare con moduli singoli può anche essere smontato o trasformato facilmente se non assolve più al suo scopo originario. Grazie ai frontali personalizzabili in 14 colori USM, uno schedario può essere facilmente trasformato in un armadietto colorato per i giochi dei bambini.

Naturalmente, la configurazione di un Home Office non si basa solo sull'arredamento, ma anche su pratici accessori. Ad esempio, le eleganti scrivanie USM Haller possono essere dotate di accessori ben studiati, come una canalina per i cavi per collegare computer e smartphone o un supporto per schermo piatto.

Se scopri di non avere più bisogno di questi elementi, puoi semplicemente rimuoverli e usare la scrivania come tavolo da pranzo, ad esempio. Più l'arredamento è modulare, e quindi adattabile, più diventa sostenibile.